coraggio-del-perdono

INGRESSO GRATUITO CON REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA

DI COSA ABBIAMO BISOGNO PER VIVERE INSIEME?
IL CORAGGIO DEL PERDONO
Padova – febbraio 2019

Conferenza in lingua inglese. È disponibile la traduzione simultanea.

“Chi è benevolo non è portato alla vendetta, ma alla comprensione”, scriveva Aristotele. Molti secoli dopo Gandhi afferma: “Dobbiamo guardare in faccia il mondo con calma e occhi aperti, anche se gli occhi del mondo oggi sono iniettati di sangue”.

Per Martha Nussbaum – scrive Armando Massarenti su Domenica (Il Sole 24 Ore) – è una caratteristica dei grandi uomini quella di aver saputo reagire alle ingiustizie e alla violenza del mondo evitando l’odio, la rabbia, la vendetta, nella consapevolezza della loro inutilità.

Il nostro vivere comune e le istituzioni che lo informano hanno bisogno di uno spirito di riconciliazione e di una saggia ridefinizione di concetti come perdono, punizione, giustizia. Il che non significa che le ingiustizie non debbano essere contrastate. Anzi. Ma l’attività di contrasto richiede oggi un’azione strategica e coraggiosa – afferma Nussbaum – “ricca di intelligenza, autocontrollo e generosità; una paziente e indefessa disposizione d’animo a vedere e cercare il bene più che a fissarsi ossessivamente sul male”.

MARTHA NUSSBAUM

Filosofa e accademica statunitense, studiosa di filosofia greca e romana, filosofia analitica, filosofia politica, etica, femminismo e diritti degli animali. Ha precedentemente insegnato all’Università di Harvard e alla Brown University. Dal 2006 è membro onorario dell’International Institute of Social Studies all’Aia.

Attualmente ricopre il ruolo di Ernst Freund Distinguished Service Professor di Diritto ed Etica presso l’Università di Chicago, cattedra che include impieghi al Philosophy Department, alla Law School e alla Divinity School. Tiene inoltre corsi sugli studi classici e sulle scienze politiche, è membro del Committee on Southern Asian Studies e del consiglio direttivo del Human Rights Program.

INGRESSO GRATUITO CON REGISTRAZIONE OBBLIGATORIA